Skip to content
Logo Skeepers
Open mobile menu button
I 3 criteri per segmentare correttamente il tuo database clienti

I 3 criteri per segmentare correttamente il tuo database clienti

Juanita Solano 20 January 2022

Le performance di una campagna marketing dipendono molto dalla precisione e correttezza del targeting. Per targetizzare le campagne, però, è necessario segmentare il tuo database clienti. Una segmentazione efficace permette di conoscere meglio i propri clienti ed è uno step fondamentale per ogni processo di customer knowledge. Ecco un sommario dei criteri di segmentazione più importanti da conoscere.

Cos’è la segmentazione del customer database?

Non tutti i tuoi clienti hanno gli stessi gusti, gli stessi desideri, le stesse necessità o bisogni. Per essere utile un’offerta commerciale deve essere giusta per il target al quale si rivolge.

In altre parole, per ottenere un buon ROI da una campagna marketing, le persone che targetizzi dovrebbero essere interessate al prodotto o ai servizi che offri. Ma per targetizzare una campagna di marketing, è essenziale conoscere i tuoi clienti bene e per farlo devi segmentare il tuo database clienti. La segmentazione consiste nel dividere in categorie i clienti in base a diversi criteri e creare vari gruppi di clienti omogenei all’interno del CRM. Maggiore è il numero dei criteri considerati, migliore è la segmentazione.

Per esempio, potresti targetizzare gli uomini tra i 30 e 35 anni, interessati al nuoto e che hanno effettuato un acquisto sul sito negli ultimi due mesi. Segmentare permette di creare e proporre le offerte più interessanti ai tuoi clienti per catturare la loro attenzione.

1. Segmentare il database clienti in base a criteri sociodemografici

Questa tipologia di criteri, nonostante il nome, è in realtà la più facile e ovvia. Si tratta di classificare i clienti in base al loro status sociale, all’età, al gender, ecc. I criteri sociodemografici sono i più importanti essendo spesso i più rilevanti. Inoltre, si tratta dei dati più facili da raccogliere. Il famoso target “casalinga under 50” è basato su criteri sociodemografici.

criteri demografici database clienti

Per essere precisi, è possibile distinguere tre tipi di criteri sociodemografici:

  • Criteri socioeconomici, come occupazione, categorie socioprofessionali, reddito.
  • Criteri demografici, come età, sesso, stato civile (sposato o no), livello di educazione, altezza e peso.
  • Criteri geografici, come la residenza o dove si lavora.

2. Segmentare in base a criteri psicologici

Non dobbiamo applicare solo i criteri sociodemografici, è importante considerare anche la personalità dei clienti.

Con il termine personalità si intendono, però, molte cose:

  • Lifestyle.
  • Attività.
  • Hobby e interessi.
  • Opinioni.

In generale, si tratta di informazioni più difficili da ottenere, ma spesso sono molto utili dal punto di vista marketing. Se vuoi promuovere un brand di scii, per esempio, identificare gli appassionati di sport invernali nel tuo pubblico potrebbe essere una buona idea.

segmentare per criteri psicologici

I criteri psicologici, al contrario di quelli sociodemografici, sono soggettivi e permettono di comprendere, o immaginare, cosa piaccia realmente al tuo database clienti.

3. Segmentare il database clienti in base a criteri comportamentali

Si tratta delle caratteristiche più sottili, molto meno generali rispetto ai criteri psicologici. Permettono di rifinire in modo preciso il target delle campagne di marketing.

Possono essere connessi a:

  • La fase d’acquisto, il cliente compra spesso o in modo occasionale?
  • I benefici che il cliente cerca tramite l’acquisto, come risparmiare, comprare prodotti di qualità, prodotti di bellezza, ecc. Per comprendere a cosa dia valore il cliente.
  • Il grado di fedeltà del cliente, un cliente storico e uno nuovo non devono essere targetizzati allo stesso modo.
  • Il comportamento d’acquisto, metodi di pagamento, tipo di spedizione preferita, orari e giorni d’acquisto preferiti, canali usati.
  • L’utilizzo che i clienti fanno dei prodotti.

Incrociare i criteri per segmentare al meglio

Come abbiamo già detto, più una campagna marketing è targettizzata, più sarà rilevante. Un buon targeting implica combinare insieme molti criteri differenti.

segmentare database clienti

In linea generale, utilizzare solamente criteri sociodemografici non è abbastanza, devono essere incrociati con i criteri psicologici e comportamentali. Allo stesso tempo, però, anche questi due ultimi criteri devono sempre essere considerati insieme a quelli sociodemografici.

Più dati e informazioni raccogli nel tuo database clienti, più criteri potrai definire, migliorando così la segmentazione del database.

Il problema che nasce però è: come raccogliere queste informazioni? Ricorda, i dati demografici sono i più facili, basta chiederli durante la registrazione a una newsletter, un contest online o un acquisto.

Però, più sono soggettivi i dati da raccogliere, come i gusti personali o il comportamento, più sarà difficile ottenerli. Il miglior modo per raccogliere queste informazioni è sottoporre ai tuoi clienti dei questionari “smart” utilizzando la nostra piattaforma CX Management. Perché non clicchi sul banner al termine dell’articolo per chiederci una demo?

Ti permetterà di rivolgerti al giusto target, nel momento migliore, e ottenere un tasso di risposta ottimale.

Ora è il momento di conoscere un po’ di più i tuoi clienti!

Scopri le nostre Soluzioni