Skip to content
Logo Skeepers
Open mobile menu button
Shoppable Content: il nuovo canale di vendita
Consumer videos Reinventare il customer journey

Shoppable Content: il nuovo canale di vendita

Negli ultimi anni, il customer journey dei clienti è evoluto rapidamente. L’era digitale ha visto nascere siti e-commerce, social commerce, live shopping, segnando inoltre lo sviluppo dei social network e degli influencer. Se vuoi stare al passo con le nuove abitudini di acquisto dei consumatori, devi prestare molta attenzione all’approccio “Shoppable Content”.

Ma di cosa si tratta esattamente? E come sta rivoluzionando l’e-commerce? In questa guida vedremo cosa si nasconde dietro questa nuova tendenza e come sfruttarla al meglio nella tua strategia e-commerce.

Cosa si intende per Shoppable Content?

Le nuove generazioni e i consumatori di oggi non sono ricettivi alla pubblicità tradizionale dei brand. Quando amano un marchio, è perché ne apprezzano la linea editoriale e ne consumano i contenuti.

È quindi fondamentale mettere i contenuti al centro delle relazioni con i clienti. In questo contesto, i contenuti delle tue community (o “User-Generated Content”) generano maggiore coinvolgimento e ispirazione.

Schema del Community Commerce, un’alleanza tra community, contenuti e commercio
Schema del Community Commerce, un’alleanza tra community, contenuti e commercio

Oggi definiamo questi contenuti, che rendono il percorso d’acquisto più fluido e veloce, “shoppable content”. Uno shoppable content è un vero e proprio acceleratore di vendita perché consente ai consumatori di acquistare un prodotto senza lasciare il contenuto in cui è presente.  

Negli ultimi mesi, la maggior parte dei social network e delle piattaforme di streaming ha sviluppato funzionalità che facilitano l’acquisto istantaneo: se usi Instagram, Pinterest, TikTok o anche YouTube, ti sarai già imbattuto in alcuni “shoppable content”.

L’innovazione principale dei nostri giorni è l’emergere di nuove tecnologie che consentono di integrare gli shoppable content direttamente nel tuo sito e-commerce

Esistono tre tipi di shoppable content: 

  1. L’acquisto di prodotti in un solo click, senza lasciare la piattaforma di contenuti. Pensiamo ai social network e alla possibilità di acquistare il prodotto presente in un posto o in una story senza essere reindirizzati alla pagina prodotto. In questo caso, il social network non funge solo da canale di distribuzione, ma diventa un vero e proprio canale di vendita autonomo, alla stregua del sito e-commerce. 
  2. I pulsanti di reindirizzamento a una pagina prodotto del negozio online sul contenuto, in modo da poter acquistare il prodotto scoperto attraverso il contenuto in pochi click. 
  3. Gli shoppable content integrati direttamente nelle pagine prodotto. Questi promuovono un’esperienza di consumo reale e consentono ai consumatori di acquistare il prodotto dal contenuto del sito e-commerce.  

È quest’ultima opzione che offriamo noi di Skeepers. Puoi diffondere tutti i tipi di contenuti, in particolare quelli creati dalle tue community di influencer e consumatori, per creare un’esperienza d’acquisto coinvolgente e stimolante sul tuo sito e-commerce

Quali sono i vantaggi degli shoppable content per i brand e i consumatori?

a. Proporre una migliore esperienza d’acquisto, adattata al percorso dei consumatori, per tenerli meglio informati 

In primo luogo, gli shoppable content consentono di accelerare il percorso d’acquisto. Poniamo l’esempio degli shoppable content integrato nel tuo sito, come proposto da Skeepers. 

Schema dello Shoppable Content
Schema degli Shoppable Content

Prendiamo un esempio concreto: 

  • In passato, quando vedevi un paio di scarpe, dovevi prima cercare il prodotto su Google, individuare il sito che lo vendeva, aggiungerlo al carrello e procedere al check-out. 
  • Con lo shoppable content, un solo click o pochi click separano l’utente dalla scoperta del prodotto all’acquisto. È sufficiente fare click sul paio di scarpe evidenziato nel contenuto. 
  • Risultato: i passaggi che intercorrono tra la scoperta del prodotto e il suo acquisto si riducono. 

Il percorso d’acquisto è semplificato e scorrevole, con la conseguente ottimizzazione della customer experience. Il consumatore apprezza la facilità, la rapidità e l’assenza di ostacoli. Proponendogli uno shoppable content, gli permetti di risparmiare tempo, semplificando il procedimento

Non dimentichiamo che la complessità del percorso d’acquisto è una delle principali cause di abbandono del carrello. Semplificare e accorciare il percorso è il modo migliore per ridurre gli abbandoni del carrello… e quindi aumentare i tassi di conversione

b. Conquistare la fiducia dei clienti rassicurandoli  

Il secondo vantaggio dell’integrazione degli shoppable content sulle pagine prodotto è che aumenta la fiducia dei visitatori del tuo sito. I contenuti generati da altri consumatori rassicurano i futuri acquirenti. Grazie ai contenuti video che mostrano l’uso reale di un prodotto, il pubblico può vedere e conoscere meglio la qualità dei prodotti e il loro utilizzo.  

In questo caso, sfruttiamo la fiducia riposta nei contenuti creati da altri consumatori per accelerare il processo decisionale. L’85% dei consumatori afferma che gli UGC influenzano la loro decisione più dei contenuti dei brand. (Datawords, 2021). In questo modo, permetti ai tuoi futuri clienti di farsi un’idea completa sui prodotti ed essere sicuri della loro scelta! 

Per scoprire come trovare il giusto equilibrio tra branded content e UGC, leggi il nostro articolo: Branded Content e UGC: come trovare il giusto equilibrio?

c. Trasformare i visitatori in clienti grazie ai contenuti

I contenuti autentici, umanizzati e coinvolgenti diffusi sul tuo sito fanno in modo che i visitatori trascorrano più tempo sulle tue pagine prodotto e, più complessivamente, sul sito. I visitatori scorrono i diversi contenuti disponibili, si lasciano ispirare e si fanno un’idea completa.  

Inoltre, la possibilità di aggiungere facilmente prodotti al carrello aumenta la conversione e trasforma il visitatore in cliente in modo rapido e semplice. Il cliente non ha bisogno di abbandonare il contenuto, rimane immerso nell’esperienza, seleziona la taglia giusta, il colore o qualsiasi altra opzione a sua disposizione e aggiunge il prodotto direttamente al carrello.

Alcuni esempi di shoppable content

Per finire, ti presentiamo alcuni esempi di shoppable content.

Ikea

Sul suo sito, Ikea propone una sezione “Idee” nella quale offre contenuti ispirazionali ai suoi clienti. I prodotti contenuti nelle immagini sono cliccabili e rimandano direttamente alla pagina prodotto. Questo è un esempio di shoppable content pubblicato sul sito.

Esempio di shoppable content sul sito IKEA.it

Chiara Ferragni

Anche l’influencer italiana per antonomasia, Chiara Ferragni, utilizza gli shoppable content su Instagram. La pagina Instagram di Chiara Ferragni Brand sfrutta la funzionalità di tagging dei prodotti in alcuni dei suoi post. Ti invitiamo a esplorare l’account per scoprire altri esempi di shoppable content, che puoi adottare anche nella tua strategia.

Esempio di shoppable content sul profilo Instagram di Chiara Ferragni Brand
Esempio di shoppable content sul profilo Instagram di Chiara Ferragni Brand

Zara

Facebook propone esattamente le stesse funzionalità di Instagram. In particolare, la possibilità di taggare prodotti sulle foto condivise nei post. Un brand come Zara sa sfruttare questa possibilità alla perfezione. Funge da marchio di ispirazione per tutti i retailer che desiderano intraprendere l’avventura degli shoppable content.

Esempio di shoppable content sulla pagina Facebook di Zara
Esempio di shoppable content sulla pagina Facebook di Zara

La Redoute

Ben consapevole delle nuove sfide legate alla tecnologia digitale, il marchio francese di prêt-à-porter e accessori per la casa La Redoute ha puntato su una strategia di contenuti moderna e coinvolgente. La sua scelta è ricaduta rapidamente su un formato versatile ed efficace: il video. Per produrre questi video, ha deciso di affidarsi alla sua community di consumatori, utilizzando la nostra piattaforma di Consumer Videos.

In seguito i video vengono montati automaticamente e distribuiti su tutti i canali.

Conclusione

Con la progressiva scomparsa del confine tra esperienza e shopping, i contenuti fotografici e video non sono più un semplice ausilio alla vendita, ma diventano l’incarnazione del prodotto. Spetta ai brand agevolare il passaggio all’azione per i consumatori. E nella ricerca di uno user journey sempre più breve e semplice, basta un click di troppo per perdere un cliente.

Vuoi offrire ai tuoi clienti una shopping experience online coinvolgente e stimolante? Il nostro strumento Shoppable Content ti permette di sfruttare i tuoi contenuti branded, le tue campagne di Influencer Marketing e le tue sessioni di Live Shopping. E questo con lo scopo di arricchire le pagine prodotto garantendo la conversione sul tuo sito e-commerce. 

<!–[if lte IE 8]>
<![endif]–>2022-IT-SKP-CV-LS-CTA-BC-LaRedoute
hbspt.cta.load(20304540, ‘2be20bac-4ac0-42aa-bb09-7f79ee93a0cc’, {“useNewLoader”:”true”,”region”:”na1″});